80enne

Tragedia in una casa di riposo Divina Provvidenza di Como dove un’80enne ha ucciso una 94enne. Un omicidio brutale che, secondo gli inquirenti, sarebbe stato dettato dall’esasperazione.

L’assassina ha utilizzato un paio di guanti in lattice infilati nella gola della 94enne. L’80enne dovrà ora rispondere di omicidio volontario e calunnia.

Ad incastrarla sono state le telecamere di sorveglianza. La notte del 24 settembre, l’80enne era rimasta in istituto insieme al marito, ricoverato nella stessa struttura. Le telecamere hanno registrato lo strano movimento della donna che, dopo aver preso un paio di guanti in lattice dal carrello degli infermieri, è entrata nella stanza della 94enne. Quando è uscita non li aveva più.

Secondo una prima ricostruzione, la donna avrebbe compiuto il folle gesto perchè stanca dei lamenti della 94enne che aveva la stanza sotto quella della sua carnefice.

Al pm Simona De Salvo, l’indagata ha negato di essere coinvolta nell’omicidio giustificando il suo ingresso nella stanza della vittima per pulirle la bocca. I filmati delle telecamere di sorveglianza, però, dicono tutt’altro.