fonte: Today

fonte: Voxnews

 

A sentire il PD si prospettano tempi duri per i bambini italiani, che in alcune classi quest’anno si sono ritrovati ad essere minoranza nel nostro Paese e questo creerà notevoli problemi riguardo difficltà nell’inserimento e nell’apprendimento della lingua madre, visti appunto la maggior parte di bambini stranieri provenienti da ogni dove. Se non bastasse questo, una violenta polemica verbale è scoppiata nel primo Consiglio Comunale post pausa estiva nel comune di Rivalta. Durante il momento delle interrogazioni, una consigliera di maggioranza, tesserata per il pd (partito democratico), ha lanciato una proposta che ha suscitato da subito polemiche in seno all’aula consigliare e poi anche fuori, dove alcuni cittadini hanno chiesto le dimissioni di Sofia Zemmale (questo il nome della Consigliera Pd, nata a Casablanca nel 1975 ma cittadina italiana e residente da noi da 20 anni). Ecco le sue parole:

“I bambini dovrebbero imparare a parlare l’arabo per fare un percorso inverso e contribuire all’integrazione”, ha detto in aula suggerendo “l’insegnamento della lingua araba a tutti”.

Immediato e diremo quasi scontato l’intervento dell’opposizione, in particolare del consigliere di Forza Italia Michele Colaci, che ha stigmatizzato le parole della Zemmale, criticandola in modo aspro, con queste parole: “Per la sinistra, evidentemente non è importante se i bambini hanno poca dimestichezza con l’inglese, il cinese, il tedesco, utili per il loro futuro: è importante invece – ha dichiarato – affrettarsi a imparare l’arabo, per far integrare i compagni di classe islamici. Penso che la scuola italiana dovrebbe insegnare la nostra cultura ai figli degli immigrati e non viceversa”.

Colaci poi ha sottolineato qual è a suo avviso la vera emergenza nelle scuole: ” La manutenzione: un problema che aspetta rapide soluzioni”.