veronica panarello-min

Veronica Panarello, la mamma del piccolo Loris, accusata di aver ucciso il figlio, sta aspettando l’inizio del processo d’appello. La donna, attraverso una lettera, ha fatto sapere come sta oggi.

La giornalista di Mattino Cinque, Agnese Virgillito, attraverso una lettera, ha inviato una serie di domande a Veronica Panarello che le ha poi risposto con le stesse modalità. Il contenuto della missiva inviata da Veronica Panarello è stato poi svelato nel corso della trasmissione stessa.

So benissimo di aver sbagliato e il mio rimorso è di non aver impedito quanto è accaduto ed il rimorso di non averlo fatto è grande. Ho anche io le mie responsabilità ed è per questo che ho chiesto di pagare – scrive Veronica – Ma non l’ho ucciso io. Vorrei che anche il vero colpevole si assuma (sic) le proprie responsabilità lasciando così riposare in pace Loris. Tra poco avrebbe compiuto 11 anni e la sua assenza è un vuoto incolmabile e non mi perdonerò mai di non averlo protetto e se potessi gli darei la mia vita”. 

La giornalista le ha poi chiesto come sta oggi: “Sopravvivo con il dolore per la perdita di Loris, che non accetto tutt’oggi, e con la speranza di riabbracciare l’unico figlio che mi rimane e che non vedo dal giorno del mio arresto. Da un anno non mi viene concesso di vederlo neanche in foto né di sapere come sta, perché il padre si rifiuta di inviarmele e di farmi avere sue notizie. Non sono in una situazione facile e quando dico di stare bene lo faccio per non dare troppe spiegazioni che forse non verrebbero nemmeno comprese”.