corea del nord-min

Dietro ogni uomo di potere si nasconde sempre una donna ed è così anche nella Corea del Nord. Come svela il Corriere della sera, la vera stratega della Corea del Nord sarebbe la sorella del dittatore che, pur restando sempre nell’ombra, muove i fili di quella che è ormai diventata una guerra di nervi tra la Corea e gli Stati Uniti.

Trent’anni, viso dolce, look semplice e casto, la sorella di Kim Jong Un, è una donna di grande potere che, però, riesce ad essere molto riservata lasciando la scena al fratello.

Classe 1987, ha studiato in Svizzera, nella stessa scuola di Berna frequentata dal fratello. Nel 2000 è tornata in patria dove il legame con il fratello è diventato sempre più stretto. Nel 2007 è entrata a far parte del Partito e, due anni più tardi, è apparsa per la prima volta in pubblico accanto al fratello.

Lei è il volto di tutte le iniziative politiche e di propaganda che porta avanti il fratello. La sorella del dittatore della Corea del Nord dirige anche il Dipartimento Propaganda e Agitazione a cui è affidato il compito di selezionare e diffondere le immagini dei vari test missilistici.

Proprio lei è stata a lanciare il seguente messaggio. “Vogliamo stabilire l’equilibrio della forza reale, quella nucleare, perché gli americani non osino più pensare di sfruttare l’opzione militare”.

Insomma, la vera mente della Corea del Nord è questa dolce trentenne dall’aria ingenua.