Piazza Pulita programma di  La7, Si sta  parlando della legge Fiano Ma è scontro devastante tra Vittorio Sgarbi e Vauro. Il critico d’arte, criticando la legge Fiano, ricorda gli orrori del comunismo. Si parte dalla Corea del Nord e dalle testate atomiche, che “non sono idee ma armi che partono. Non capisco perché contro quel mondo non c’è la stessa intransigenza”. “Te lo spiego io perché…”, provoca Vauro. E il critico d’arte parte in quinta: “Comunista. E Cuba? Cuba? Cuba? Voi comunisti contenti e orgogliosi di una storia criminale”. E ancora, Sgarbi, afferma che la legge Fiano “è retorica”. Dunque il vignettista comunista: “Parli di retorica e citi la Corea del Nord?”.

 

 

“Il comunismo è molto più pericoloso”, ricorda Sgarbi. Ma è quando Vauro afferma “sono orgoglioso di essere un comunista esplode il finimondo”. Sgarbi lo disintegra: “Io sono orgoglioso di essere anti-comunista, contro te, Fidel Castro, contro tutto questa gente che ha ucciso, ucciso continuamente, manda bombe atomiche. Vergognati, tu comunista”. Ma Vauro non molla: “Sono ancora più orgoglioso di essere comunista quando faccio sbavare gente come te”. La parola fine? La mette sempre Sgarbi, con un’altra bomba contro il vignettista: “Sei orgoglioso di essere un criminale, dei criminale, degli assassini, di loro sei orgoglioso”.