nicolina

Nicolina non ce l’ha fatta. E’ morta a 15 anni per difendere la madre dalla violenza dell’ex compagno che ha tentato in tutti i modi di scoprire il luogo in cui si era rifugiata. Di fronte all’ennesimo rifiuto della ragazzina, Antonio Di Paola che poi si è suicidato, le ha sparato in faccia non lasciandole scampo.

Una tragedia annunciata dal momento che l’uomo era stato denunciato più volte. Ai microfoni di Mattino Cinque, la mamma di Nicolina ha dato sfogo al suo dolore e alla sua rabbia.

Io ho anche litigato con mia figlia, le ho detto di stare attenta perché quell’uomo era un violento, le aveva già puntato un coltello allo stomaco tempo fa e mi sono preoccupata perchè so che stava programmando qualcosa, ma lei non ha voluto sentire ragioni, non voleva rinchiudersi in casa”, ha dichiarato la donna ai microfoni della trasmissione di canale 5.

“I miei genitori, che avevano l’affidamento provvisorio del tribunale di Firenze, non sono stati in grado di badare ai miei figli – continua la donna – La bimba già non voleva alzarsi per andare a scuola, potevano accompagnarla in macchina visto che pioveva”.

Io ho chiuso questa relazione. Non era quello il motivo di prendersela con la mia figliola. Piuttosto vieni e ci affrontiamo da adulti, ma non doveva prendersela con la bimba”, ha concluso.