Un peschereccio di Mazara del Vallo è stato sequestrato dai militari tunisini, a sud di Lampedusa, in acque internazionali. A riferirlo è Giovanni Tumiolo, presidente del distretto produttivo della pesca di Mazara del Vallo.

Secondo quanto si legge su Libero, il sequestro è avvenuto nella notte. Cinque militari tunisini sono saliti a bordo dell’imbarcazione sequestrando il comandante per poi dirigersi verso il porto  nordafricano di Sfax.

Questo sequestro è un fatto inquietante, non solo. Il capitano del peschereccio è stato praticamente arrestato sotto la minaccia delle armi e rinchiuso in cabina. Un fatto gravissimo”, commenta Nicolò Cristaldi, il sindaco di Mazara del Vallo: “Il fatto è che il controllo è affidato solo alla Marina militare. La questione è politica e non viene affrontata. I rapporti bilaterali devono essere ripresi al più presto con la Tunisia”.