Stupri sulle spiagge, parla l’Imam: “Colpa di voi occidentali”

0

“Sono senza Allah, devastati dalla società occidentale come altri ragazzi italiani”.
Parla in questi termini Abderrahim Troumi – imam di Vallefoglia, cittadina alle porte di Pesaro. Lui ha espresso il suo parere sugli  stupri di Rimini, fatti ignobili messi in  pratica da Guerlin Butungu e da tre minorenni.

L’imam, intervistato dal Il giorno.it dice: “da quando erano piccoli. Avevano 5-6 anni e qualche volta venivano da me per frequentare il catechismo e la scuola di lingua islamica. Ma non hanno fatto un percorso da bambini normali: il padre ha avuto continui guai con la giustizia per furti e droga, mentre la mamma, una donna di livello culturale molto basso, non lavora, non esce di casa e non frequenta la moschea”. Una famiglia disagiata, quella dei minorenni, tanto che pure l’imam dice che i due fratelli “sono venuti su senza una direzione. Quando sono incappati nei primi furtarelli a scuola abbiamo cercato di portarli sulla retta via aiutandoli per quello che potevamo, ma poi sono venuti a contatto con la droga e non siamo riusciti a evitare l’irreparabile”.

L’imam conclude: “Dentro le fabbriche si parla solo dei fatti di Rimini e sentiamo ostilità nei nostri confronti. Il problema è che si fa di tutta un’ erba un fascio. Così si creano incomprensioni e una distanza tra le comunità quando invece dovremmo trovare nuovi canali di dialogo per ricucire questo strappo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui