L’autopsia ha confermato che la piccola Sofia è morta di Malaria. La bimba di 4 anni è deceduta nell’ospedale Santa Chiara di Trento.

Una serie di eventi drammatici hanno portato alla morte la povera Sofia. Lei, era stata ricoverata a metà agosto per un principio di diabete infantile ed in quei giorni,  in pediatria, c’erano due piccole africane del Burkina Faso malate  di malaria. Le due bimbe erano contagiate dal Plasmodium Falciparum, lo stesso parassita che ha stroncato Sofia. 2+2 fa 4, di solito.

Ma faranno di tutto per confondere le acque: “Per dare una risposta esatta su quale ceppo di malaria ha colpito la bambina ci vorrà del tempo”, dicono infatti i vertici del Santa Chiara. Che difendono il personale: “Siamo certi che non sono stati fatti errori procedurali ed i materiali utilizzati erano tutti monouso”, ha garantito il dg Paolo Bordon, “Non usiamo aghi per più persone in questa struttura. Questo nell’ospedale di Trento non accade. Adesso gli esperti del ministero della Saluta assieme ai Nas e al personale medico ricostruiranno quanto accaduto anche per escludere sospetti di contagio. In microbiologia ci sono ancora i campioni di sangue della bambina e degli altri pazienti, sotto sequestro giudiziario. Tutto quanto accaduto nei giorni scorsi è stato ricostruito minuziosamente e l’ospedale trentino è convinto che la “gestione del caso è avvenuta secondo i protocolli e non risulta siano stati commessi err Nei prossimi giorni l’Istituto Superiore di Sanità eseguirà un esame di laboratorio molto complicato ma determinante”.

 

L’indagine è molto complessa e ci vorrà del tempo. L’unica che ci ha rimesso è la piccola Sofia. Ora vedremo cosa accadrà..