alice weidel

Alice Weidel, 38 anni, è la donna scelta per affiancare il 76enne Alexander Gauland nella corsa elettorale di Alternative für Deutschland, il partito euroscettico e xenofobo fondato nel 2013 da un economista di Amburgo.

Giovane e bionda, Alice Weidel vanta un curriculum di tutto rispetto. Laurea e dottorato in aziendale all’Università di Bayeruth. L’obiettivo del partito è, come si legge su Libero Quotidiano, “abbattere la politica di accoglienza dettata dalla cancelleria che nel giro di pochi mesi ha portato in Germania 1,4 milioni di rifugiati”.

“Vogliamo una legge sull’immigrazione sul modello di quella canadese o australiana, che permetta cioè di selezionare chi entra nel Paese sulla base delle competenze, commisurate alle necessità del mondo del lavoro tedesco”.

La Merkel ha spesso parlato di ragioni umanitarie che hanno spinto l’Europa ad accogliere gli immigrati ma la Weidel ha un altro pensiero: “Solo lo 0,5% di loro ha avuto il riconoscimento dello status di rifugiato. Noi rifiutiamo l’islamizzazione della Germania e respingiamo i finanziamenti che dall’estero alimentano i circoli jihadisti e le moschee in Germania”.

In conferenza stampa, i giornalisti hanno toccato anche altri temi. Il manifesto del partito, infatti, sostiene la famiglia tradizionale. Weidel, però, condivide la sua vita con una donna, ma di fronte alle domande della stampa non ha battuto ciglio.