Ormai è una lotta senza quartiere quella tra gli immigrati che stanno invadendo il nostro Paese e i cittadini italiani e le forze dell’ordine che cercano, senza l’aiuto del Governo, di gestire questa orda di persone che spesso si rendono protagonisti di gesti assolutamente illegali. In Italia nell’ultimo anno sono stati circa centomila i profughi che sono arrivati in Italia, contro gli 8mila della Spagna e i 4mila della Grecia. Un esodo che non conosce confini e che ormai sta assumendo dei contorni da tragedia, sia per i cittadini italiani che, in piena crisi economica, si trovano a dover fronteggiare anche questo problema, sia per gli stessi immigrati che vivono in situazioni di degrado assoluto.

E come se non bastasse ci si mettono anche i partiti politici a peggiorare la situazione.

Una moschea da mille posti a Figline Valdarno, in provincia di Firenze. Sara’ inaugurata a settembre e sorgera’ su un vecchio fondo commerciale di 600 metri quadrati.

La struttura, come riportato oggi dal Corriere fiorentino, si trova in via della Comunita’ europea, una zona commerciale di bar e negozi, contrari all’arrivo di un simbolo di colonizzazione islamica.

Lo stabile e’ ancora vuoto, ma presto sara’ allestito e diventera’ una vera e propria moschea, oltre che una madrassa dove si faranno lezioni di arabo.

Un ruolo decisivo per l’individuazione dello stabile l’ha avuto il Comune, a guida PD, che da tempo, insieme alla cosiddetta comunita’ islamica, era alla ricerca di una struttura più grande rispetto a quella del centro storico, troppo piccola e angusta per ospitare i tanti invasori islamici tanto cari al PD. Per agevolare l’insediamento del nuovo luogo di culto, il Comune si fara’ promotore di alcuni incontri tra i negozianti e la comunita’. Che si spera verranno boicottati.