Succede a Torino, città da sempre molto aperta; questo è un caso, invece, che sicuramente fa riflettere sul clima di tensione generale.

Chiara, una 18enne di Crescentino, in provincia di Vercelli, non ottiene il lavoro perchè fidanzata con un ragazzo di colore. Un chiaro episodio di razzismo ai danni di una giovanissima che, per seri motivi di famiglia, non ha potuto ottenere il diploma e ora sta cercando disperatamente un’occupazione. Ora l’episodio sta facendo il giro dei social network.

Come riporta today.it, Chiara sta per darsi per vinta, quando finalmente riceve una risposta ai tanti curricula mandati in questi mesi. Su uno dei tanti gruppi social, un negoziante di Torino con attività in piazza Carducci, esorta la ragazza ad inviargli al più presto i suoi dati.

La felicità dura poco; un messaggio in privato le fa subito capire che qualcosa non è andato per il verso giusto: “Scusa, ma non credo tu sia la persona che sto cercando”. E da li viene fuori il vero motivo per cui Chiara non sarebbe la persona adatta.

Il commerciante suggerisce a Chiara di cambiare la sua foto profilo in cui è in compagnia del fidanzato di colore, spiegando che non intende affidare la cassa ad una persona che sta con un africano. Come se non bastasse, l’uomo ha postato su altri gruppi di ricerca di lavoro le risposte di Chiara, indignata per essere stata trattata in questo modo.

La paura della ragazza, oltre alle inaccettabili motivazioni, è che la cattiva pubblicità del commerciante possa farle perdere altre occasioni. Chiara sta comunque pensando di sporgere denuncia nei confronti del negoziante.