Una vicenda squallida e atroce quella che ha visto protagonista F.B., 55 anni, stimato chirurgo ortopedico di Ostia arrestato ieri dagli agenti della squadra mobile di Roma, e la sua famiglia.

Un uomo dai mille volti e dalle mille risorse, come riporta liberoquotidiano.it; all’Ospedale Grassi di Ostia un professionista conosciuto e affabile con i pazienti, a casa un mostro. Per mesi ha costretto la compagna a subire violenze, costringendola a rapporti sessuali contro la sua volontà e, cosa ancora più atroce, filmava gli abusi sul cellulare o sul tablet e mostrava i video al figlio di 10 anni.

Un’atrocità durata a lungo, fino al giorno in cui la donna, stufa delle violenze subite e spaventata da ciò che poteva succedere al bambino, non ha trovato il coraggio di denunciare tutto alle autorità.

Dalle prime indagini sembrerebbe che l’uomo facesse uso di droghe, in particolare cocaina e crack. Una perquisizione a casa dell’uomo, tra Casal Palocco e l’Infernetto, ha portato allo scoperto materiale informatico.

Oltre all’accusa di violenza, per il medico potrebbe mettersi ancora peggio dal momento che le forze dell’ordine sono intenzionate a verificare l’eventuale sussistenza dei reati di pornografia minorile e detenzione di materiale pedopornografico.