Infermiera della morfina al neonato: “L’ho salvato”

0
Federica Vecchini (Websource)

Tutti ricorderanno la storia del neonato venuto a mancare per l’overdose di morfina somministratagli, senza nessuna decisione terapeutica, da un’infermiera. Ora torna a parlare.

L’infermiera torna a parlare

Sono parole importanti quelle di Federica Vecchini che a quarantatré anni ha deciso di dire la sua su fatti veramente inquietanti e che vedono di mezzo una piccola neonata venuta a mancare per la somministrazione di morfina.

La donna madre di tre figli si è difesa così: “Ho pensato di usare quel farmaco perché ho subito capito quali erano i sintomi. Faccio questo lavoro da vent’anni e ho una grande esperienza. Tutti i miei colleghi hanno sempre rimarcato la mia affidabilità dal punto di vista professionale. A volte uso la morfina o le benzodiazepine per farli stare tranquilli anche senza prescrizione”. Probabile che queste parole possano peggiorare la sua situazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui