Erika Colombatto, giovane mamma di San Carlo Canavese, aveva solo 23 anni: è morta dopo essersi sottoposta ad un intervento di riduzione della stomaco. Ora il padre, Sergio Colombatto, esige chiarezza: “Voglio sapere la verità su ciò che è successo a mia figlia. Voglio chiarezza sulla sua morte”.

Come riportato da Ansa.it, il referto medico parla di “arresto cardiaco”, ma il padre è convinto che ci siano altre responsabilità. La ragazza, che lascia il marito e un figlio di pochi mesi, ha deciso di operarsi dopo che i medici le hanno consigliato di farlo perchè obesa. “Sembrava che tutto fosse andato per il meglio – dice ancora il padre – poi la tac ha rilevato una fistola e da li è iniziato il deperimento che l’ha portata in breve tempo alla morte”.

Il Policlinico ha richiesto un approfondimento diagnostico per poter rilevare con maggiore chiarezza le effettive cause del decesso; il personale esprime anche cordoglio e vicinanza alla famiglia, ribadendo però assoluta fiducia a chirurghi e rianimatori dell’ospedale.

Sul caso ora indagano i carabinieri di Bergamo, luogo dove la ragazza è stata operata.