samantha de grent-min

Dopo essere stata una delle grandi protagoniste dell’Isola dei Famosi 2017, Samantha De Grenet è diventata molto popolare e su Instagram è molto seguita. La showgirl ha così deciso di utilizzare molto più Instagram rispetto a Twitter e Facebook per avere un contatto diretto con i fans.

A confessarlo è lei stessa in un’intervista rilasciata ai microfoni del settimanale Top.

Oggi sto usando molto più Instagram rispetto a Twitter o Facebook, è un gancio diretto con gli utenti e i fan. Le persone vogliono vedere chi sei veramente al di là dei lustrini e delle telecamere. Influencer si diventa con il tempo: se hai dei followers e un’immagine consona a certi prodotti, le aziende ti contattano” – racconta la De Grenet che poi spiega come funzionano le sponsorizzazioni sui social – “Prima di mostrare il prodotto, di solito me lo faccio inviare, lo provo e poi decido se fare la pubblicità o no. Devo credere nel prodotto che mi viene proposto. Ognuno poi ha le proprie tariffe, a seconda di chi sei, cosa fai e quanti followers hai. Dipende anche da quanti contenuti pubblichi, ogni personaggio, come in tanti altri ambiti, ha un prezzo diverso a seconda della notorietà”.

Sui followers: “Cerco sempre di lasciare un like ai commenti, ma non riesco a rispondere a tutti. Poi esistono i leoni da tastiera che si sentono appagati a insultarti, nel mio caso per fortuna sono pochi. Quando capitano cerco di rispondere in modo educato, e il più delle volte mi chiedono scusa, dicendo che si erano fatti un’opinione sbagliata. Blocco solo chi parla male dei bambini”.

Infine parla del rapporto con il marito aggiungendo di non aspettare il secondo figlio: “Non sono in dolce attesa. Inizialmente avrei dato subito un fratellino a Brando, mio figlio, ma oggi, a 46 anni, penso che i figli vadano fatti quando si ha l’energia per seguirli. Poi se arriva sono felice, ma in questo caso non lo sto cercando. Con mio marito Luca (Barbato, ndB.), va tutto bene, siamo riusciti a superare insieme momenti difficili. Siamo in armonia”.