marco carta

Marco Carta torna a parlare del dolore più grande: quello della perdita della madre. Il cantante sardo si è raccontato in una toccante intervista rilasciata al settimanale Top rivelando di trovare nella mamma la forza per andare avanti.

Mia madre, la forza mia. Io sono sempre collegato a lei, mi aiuta, mi guida, mi è vicina. Mia madre è come il mare, un ricordo indelebile della mia vita. Oggi sono consapevole che si trovi in un posto senza tempo e grazie alla musica sono sempre in contatto con lei”, ha dichiarato l’ex vincitore di Amici.

Poi il commovente ricordo della mamma: “Era una trottola, sempre in giro, sulla sua Austin Metro rosso fiammante: per bar, a casa dei suoi amici, e ne aveva tantissimi, giovane com’era, o per le strade di Cagliari a guardare le vetrine dei negozi, a scegliere vestiti. Ci ha cresciuti in un’atmosfera di gioia e spensieratezza che ancora è impressa nella mia memoria. Io pensavo che mia madre fosse invincibile, come un supereroe. E pretendevo che guarisse, perché volevo che mi portasse al mare l’estate seguente, come aveva sempre fatto, e lei sì, me lo aveva promesso”.

Nonostante siano passati alcuni anni, infine, Marco Carta racconta che è impossibile dimenticarla: “Aver visto mia madre in questi due anni di malattia, vederla prima una ragazza dai capelli lunghi, bellissima, poi quasi una larva nel vero senso della parola, è qualcosa che mi ha scioccato e dato lucidità. Non posso dimenticarla, sarebbe impossibile. Io ricordo tutto come se fosse ieri”.