I Rom non vogliono lavorare? La Raggi gli pagherà un “mental coach”

0
Foto Fabio Cimaglia / LaPresse
03-12-2014
Politica
Campidoglio. Conferenza stampa del Movimento 5 Stelle sugli arresti al Comune di Roma
Nella foto Virginia Raggi
Photo Fabio Cimaglia / LaPresse
03-12-2014
Politic
Press Conference of the Movement 5 Stars on the arrests to the City of Rome
In the photo Virginia Raggi

I Rom sono decenni che abitano in Itala e la quasi assoluta maggioranza di loro ha sempre dimostrato di non voler lavorare e quindi di non pagare le tasse. Nonostante sappiamo tutti che molti di loro sono dediti a furti e rapine, i nostri governanti continuano a foraggiarli e coccolarli come se fossero l’unico problema da risolvere. Questa volta è il caso di Roma e del sindaco 5 Stelle Virgina Raggi, che ha avuto una ‘brillante’ idea per spendere un altro po’ di soldi di noi cittadini.

Per prima è venuto alle brillanti teste che governano la Capitale di fornire i rom di un patentino (con annesso albo) per quelli di loro che rovistano nei cassonetti. Ora arriva anche il mental coach per quelli che proprio no, a lavorare non ce la fanno proprio. L’istituzione di una figura come quella del “mental coach” vorrebbe essere utilizzata come sorta di motivatore che andrà nei campi di roulotte a convincere i rom che gestire il business dell’elemosina, rubare nelle case e borseggiare i turisti non è il modo migliore per guadagnarsi da vivere, ma dovranno trovarsi un onesto lavoro.

A svelare questa malsana idea partorita dalla Raggi è stato il Messaggero, che ha evidenziato un nuovo “Piano Rom”, appena licenziato dalla giunta capitolina e nel quale, alla voce “azioni per l’inclusione lavorativa”, spuntano i “mentoring and personal coaches” che dovranno “fornire il supporto adeguato in termini di strumenti e competenze per le prime fasi di avvio delle iniziative imprenditoriali aiutando gli ideatori a fare le scelte giuste in ordine ai processi lavorativi e strategici”.

Tradotto: mandiamo i rom a lezione, motiviamoli e forse la smetteranno di importunare i cittadini romani. Con buona pace dei disoccupati romani, che dovranno invece continuare a fare per conto loro. E magari pagarsi un affitto senza alcun tipo di sostegno, che invece viene stanziato a favore dei rom nello stesso piano: fino a 800 euro al mese per i canoni di locazione. Costo totale del piano? 3,8 milioni di euro, in parte finanziati dall’Unione Europea. Cioè da noi stessi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui