stefano ricucci

Stefano Ricucci è un uomo diverso dopo il carcere. L’ex di Anna Falchi, tornato in libertà lo scorso 31 maggio ha rilasciato un’intervista ai microfoni de La Repubblica in cui ha parlato di quella che sarà ora la sua vita.

“Basta lussi e vita mondana, basta fidanzate da copertina o in cerca di visibilità. Con quella roba lì ho chiuso. Con le uniche due persone che mi sono rimaste e che contano nella mia vita: mia madre e mio figlio. Loro mi sono sempre stati vicini. Tutto il resto viene, va, e passa. E ti lascia poco o niente”.

Stefano Ricucci ha anche parlato della vita in carcere. “E’ un reparto fatto di quattro celle – ha spiegato Ricucci – I detenuti erano questi. Gente che, effettivamente, è stata molto sui giornali. Che è abituata, o ha dovuto abituarsi, a sentire parlare di sé. Guardavano i telegiornali per seguire gli sviluppi delle vicende giudiziarie in corso. Si giocava anche a carte, ma più che altro, anche loro, come me, passavano molte ore a studiare gli atti”. 

Infine, ha concluso: “Quando finisci in carcere la gente che prima ti stava addosso, si allontana. Prima ti cercano, poi ti evitano: diventi appestato. Poi esci e magari ritornano. Così va il mondo”.