CONDIVIDI
Il giudice monocratico dell’ottava sezione penale del Tribunale di Milano Maria Luisa Balzarotti ha condannato oggi Umberto Bossi a due anni e tre mesi di reclusione, il secondogenito del senatore, Renzo Bossi, a un anno e sei mesi e l’ex tesoriere del Carroccio, Francesco Belsito, a due anni e sei mesi di reclusione. Il giudice li ha ritenuti colpevoli di appropriazione indebita, accusa in alcuni capi d’imputazione cambiata in tentata e per altri episodi prescritta. Il giudice ha poi condannato Umberto Bossi a una sanzione di 800 euro, Renzi Bossi a 500 euro e Francesco Belsito a 900 euro. Secondo la procura, Bossi avrebbe utilizzato i fondi del partito per spese personali. Come aveva sostenuto il pm in aula, per Bossi sostenere i costi della sua famiglia con il patrimonio della Lega sarebbe stato “un modo di agire consolidato e concordato” con i tesorieri, cioè con Belsito ma ancor prima con Maurizio Balocchi. Belsito avrebbe distratto dalla casse della Lega circa mezzo milione di euro tra il 2009 e il 2011, mentre Bossi avrebbe speso 208mila euro di fondi del partito per sue esigenze personali, e suo figlio Renzo 145mila euro, tra auto, multe da pagare e la presunta ‘famosa’ laurea in Albania, costata 77mila euro. Ora l’attenzione si sposta a Genova dove per competenza territoriale si è spostata una parte del procedimento milanese nell’ambito del quale Bossi e Belsito, insieme ad altri indagati, sono imputati per truffa aggravata ai danni dello Stato e dove la sentenza è prevista per il 24 luglio. Renzo Bossi: ci aspettavamo la condanna “Ci aspettavamo questa condanna, ma andiamo avanti. La Lega non mi ha pagato né le multe né la laurea in Albania”. E’ il commento di Renzo Bossi subito dopo la lettura della sentenza che l’ha condannato nell’ambito del processo su presunte irregolarità nella gestione dei soldi del Carroccio. Salvini: Bossi? Mi spiace, ma lui è altra era politica “La condanna a Bossi? Dispiace dal punto di vista umano. Fa parte però di un’altra era politica. La Lega ha rinnovato uomini e progetti”. Lo afferma il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando la condanna di Umberto Bossi a due anni e tre mesi e al figlio Renzo per aver usato fondi del partito a fini personali. –